Bibliografia Ferroviaria Italiana


La centralità mancata. La questione ferroviaria in Umbria (1845-1927)
Ingrandisci
STEFANO DE CENZO

La centralità mancata. La questione ferroviaria in Umbria (1845-1927)

Perugia : Giada, 2004.
Pagine XIV+218. Cm. 17x24.
ISBN 88-87288-20-8
Indice del libro
PremessaV
Nota editoriale e guida alla letturaVI
IntroduzioneVII
Capitolo 1
L'epoca preunitaria (1845-1859)1
Le origini del dibattito: sollecitazioni esterne e sviluppi interni1
Il manifestarsi di un "municipalismo" ferroviario6
Un tentativo di mediazione: il caso della Società Nazionale13
Il tracciato della Pio Centrale (Roma-Ancona-Bologna)21
Il collegamento con la Toscana29
Capitolo 2
Le direttrici fondamentali (1860-1875)37
Verso la realizzazione del collegamento tra Firenze e Roma: i decreti Pepoli37
Il prolungamento della ferrovia Aretina nell'alternativa tra la via del Trasimeno e quella del Tevere38
Il parallelo avanzare della Centrale Toscana48
La costruzione dell'Ancona-Roma52
La bretella Terontola-Chiusi55
Capitolo 3
Tra istanze territoriali e progetti di respiro internazionale (1876-1885)75
Per una ferrovia dell'alta valle del Tevere76
La ferrovia Arezzo-Fossato83
Ferrovie economiche e tranvie88
Il ritorno dell'Adriatico-Tiberina95
Il declino della Terontola-Foligno98
Ancora ferrovie economiche103
Il caso sabino106
Capitolo 4
Una provincia da "costruire" (1885-1900)117
Verso il consorzio per la Ferrovia Centrale Umbra117
Obiettivi diversi136
Capitolo 5
Una regione da aprire all'esterno (1901-1927)147
La Ferrovia Centrale Umbra: una soluzione, parziale, all'assetto territoriale interno147
Proiezioni verso l'esterno154
Realizzazioni minime166
L'isolamento sabino182
Questione ferroviaria e questione regionale183
Conclusioni195
Apparati
Sigle e abbreviazioni archivistiche200
Riferimenti bibliografici201

Le informazioni contenute in questa pagina sono fornite senza alcuna garanzia di accuratezza, completezza o correttezza.